COMMUNITY
banner123 mixpiatti2

Le sculture luminose di Aldo Giovannini In evidenza

Mercoledì, 21 Ottobre 2015 00:00

Il processo creativo che si evince da un attento esame di queste opere è riconducibile a tre essenziali campi di intervento: il primo è caratterizzato dall’interpretazione, in chiave moderna, del processo attraverso il quale la natura afferma la propria esistenza nelle molteplici forme e varietà che pervadono il nostro mondo. Il secondo si manifesta nello studio compositivo e architettonico della loro struttura portante: innumerevoli combinazioni geometriche che si intrecciano tra loro permettono all’osservatore di entrare in un mondo ricco di suggestioni visive; lo spazio viene così riempito, in un gioco di piani che si sovrappongono pur mantenendo ben salda l’armonia d’insieme. Il terzo campo d’intervento invece si svela quando la scultura viene accesa. Al suo interno sono infatti inserite, in modi diversi a seconda dell’opera, fonti luminose che, una volta azionate, hanno diverse funzioni: esaltare i volumi e la profondità della composizione, creare un gioco di chiaro-scuri di diverse tonalità che evidenziano l’alternanza dei pieni e dei vuoti, proiettare geometrie d’ombra sulle superfici limitrofe o inserite al suo interno. Il risultato di ciò che è stato finora descritto è stato ottenuto anche grazie alla scelta e alla combinazione di alcuni materiali, tra i quali si evidenziano il ferro e altre leghe più o meno leggere (alluminio) utilizzate come ossatura o telaio e una speciale mescola di sabbie e polveri di marmo che serve a dare sostanza ai volumi.

 

Una delle opere più care all'artista è in mostra permanente al MOON.

 

ALDO GIOVANNINI, alias Alkreado, nasce a Bologna nel dicembre del ’67. La sua esperienza artistica comincia già in tenera età con il disegno dal vero e il fumetto. Una volta adulto frequenta la facoltà di Architettura a Firenze e contemporaneamente partecipa a svariati progetti culturali della scena bolognese nelle vesti di allestitore, scenografo e curatore di eventi. Sempre a Bologna fonda alcuni spazi sperimentali polivalenti di arte e spettacolo e collabora con numerosi architetti, registi ed associazioni alla messa in opera di installazioni e performance. A Milano ha occasione di lavorare come assistente alla regia per documentari e film pubblicitari. La sua attività spazia dalla progettazione e allestimento di arredi interni per locali, negozi e spazi privati, alla creazione e produzione di mobilio su misura e prototipi di design. Negli ultimi anni fonda una sua linea di creazioni che rispecchia la sintesi delle tante esperienze e della sensibilità maturata nel corso degli anni.

 

Tratto da Val di Noto Magazine

Letto 2628 volte Ultima modifica il Mercoledì, 11 Novembre 2015 11:25

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.