Arte e responsabilità sociale. Intervista ad Antonio Casciaro

Martedì, 29 Luglio 2014 00:00

Antonio Casciaro è siracusano. Esperto di Sociologia visuale ed Estetica dei nuovi media, ha fondato, assieme a Tamas Gabeli il circuito internazionale Animatters Film Network (AFN) che mette in rete organizzazioni culturali di diversi paesi del mondo che producono e distribuiscono film di animazione. Insieme a un team internazionale è anche l’ideatore dell’A.RE.S. (Arte e Responsabilità Sociale) Film & Media Festival è il primo ed unico evento siciliano di respiro internazionale che coniuga la promozione cinematografica e l’innovazione multimediale con la responsabilità sociale.

Da dove nasce l’idea dell’ARES Film Festival?

Lavoriamo tutti su immagini in movimento e insieme a un gruppo di amici, abbiamo avuto l’idea di un festival – l’Ares Festival che si svolgerà ad Ortigia dal 1 al 10 agosto – dedicato per l’appunto alle immagini e che contribuisse al dibattito sulla responsabilità sociale collegata alle immagini. Ci sembrava interessante l‘idea visto che in una società di massa come la nostra, le immagini fossero utilizzate come mezzo di comunicazione, informazione, di persuasione e dissuasione. E poi recentemente, abbiamo pensato a una Summer School - Summer school di “CINEMA CONTEMPORANEO” - che era un modo per rivisitare, da un lato, il tema della responsabilità sociale ma anche di intercettare tutta la questione delle innovazioni tecnologiche e di come queste stiano modificando la comunicazione e l’organizzazione della nostra vita. Dunque, l’idea di questa Summer School nasce dalla voglia di intercettare innovazione e cambiamento, e dall’evidenza che il nostro modo di fruire informazione, di divulgarla e riprodurla è stato rivoluzionato da Smartphone e tablet.

Cosa vuol dire innovare per te?

L’idea di innovazione, in questo territorio, troppo spesso significa prendere una cosa già pronta e portarla qui. Per noi è altro: significa dare spazio a competenze nuove, ancora non emerse, metterle a sistema per costruire qualcosa di diverso.

Cos’è oggi A.RE.S. (Arte e Responsabilità Sociale) Film & Media Festival?

L'ARES Festival è oggi un vero e proprio hub culturale innovativo, capace di attivare, promuovere e valorizzare le migliori energie culturali del territorio. Ed anche un incubatore di esperienze tecnologicamente e artisticamente rilevanti, all’interno del quale si è sviluppato un collegamento fecondo tra ricerca e creatività, con particolare attenzione a quei settori che integrando creatività e capacità di progettazione sono in grado di trasformare un'idea innovativa in un prodotto: vale a dire design, multimedialità, video e audio produzione digitale.

Perché una Summer School in cinema contemporaneo?

La scuola – che avrà una durata complessiva di 25 ore e si svolgerà dal 7 al 10 agosto - nasce con l’obiettivo di fornire una preparazione solida per sviluppare un linguaggio visivo e multimediale contemporaneo, capace di attraversare culture, frontiere, mercati. Poiché la tecnologia rende sempre più stretto ed organico il tradizionale rapporto tra fotografia e cinema, per l'estate del 2014 si propone un workshop teorico-pratico in “Fotografia e video tramite smartphones: mobile photography e cinema contemporaneo”. La nuova tecnologia oggi permette di liberarci, in parte, dalla padronanza tecnica, ma non ci permette di fuggire dai contenuti: la conoscenza della luce, l’inquadratura, il racconto diventano infatti ancor più importanti sia che siamo fotoreporter, fotografi professionisti, videomaker o semplici appassionati.

Qui trovate tutte le info: è ancora possibile iscriversi!

Letto 9451 volte Ultima modifica il Venerdì, 16 Gennaio 2015 09:03

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.